Tu sei qui: Home PUC Album Distretti di trasformazione Tipologia: n1 AD Aree dismesse/dismettibili o sottoutilizzate

Tipologia: n1 AD Aree dismesse/dismettibili o sottoutilizzate

 
N° 1
 
Inquadramento urbanistico
Il Distretto è collocato nella parte orientale della città, lungo il tratto iniziale di viale Carducci all’uscita del raccordo autostradale; ad est è delimitato dai binari del raccordo ferroviario del Porto e a ovest da via della Pianta. La superficie territoriale, è costituita sostanzialmente da quattro grosse aree: l’area occupata dalla centrale ENEL, localizzata a sud di via Maralunga; l’area occupata da attrezzature legate alla centrale, localizzata a nord di via Maralunga; l’area retroportuale, delimitata a sud da via Maralunga e ad est dai binari ferroviari, adibita ad attività di stoccaggio; l’area dismessa dello stabilimento SIO, compresa tra via Maralunga e viale Carducci. L’insieme di queste aree definisce un comparto urbanistico caratterizzato da un sottoutilizzo diffuso delle aree stesse.
 
Obiettivi e criteri d’intervento                                                                                  
Il Distretto è suddiviso in tre Subdistretti.
La trasformazione, volta alla riqualificazione urbanistica e ambientale, prevede interventi destinati ad innovare in modo sostanziale l’assetto fisico e funzionale delle aree appartenenti al Distretto.
Il nuovo impianto urbanistico si struttura Sul tracciato di una nuova viabilità primaria, che collega via Carducci con via Sarzana e chiude l’anello di circonvallazione costituito da corso Nazionale-via Prosperi-via Federici, di importanza fondamentale nella riorganizzazione del sistema viario urbano.
Le nuove edificazioni, costituite da tipologie miste destinate a funzioni integrate residenziali, commerciali e terziarie, si concentreranno nella parte più interna del Distretto e dovranno integrarsi al sistema del verde. L’area di cessione costituisce una sorta di anello verde intorno alle nuove edificazioni. In particolare il sistema del verde dovrà avere come obiettivo prioritario quello di strutturare una rete di relazioni fisiche di qualità tra i tessuti circostanti e i nuovi insediamenti.
I 3 Subdistretti sono classificati come strategici.
Fabbricati da mantenere nei vari Subdistretti.
 
Regole della trasformazione  
 
Subdistretto AD1/a
Ripartizione funzionale
St                                              = mq 28.483
Se + Ve     <=  50% St               = mq 14.242
Ac              >= 50% St               = mq 14.241
Mix funzionale (usi previsti)
Funzioni abitative   :               30% Sul                                U1/1, U1/2
Funzioni terziarie
e commerciali        :               30% Sul                                U2/2b, U2/3, U2/4, U2/5, U2/6a, U2/6d, U2/7,
                                                                                 U2/8b, U2/10, U2/11, U2/12b, U2/13b, U5/1, U5/2,
                                                                                 U5/3
Flessibile                :               40% Sul
Indici urbanistico ecologici
St                                              = mq 28.483
Ut                                              = 4.000 mq/ha
Sul                                            = mq 11.393
H max edifici:                          = ml 16
 
Sp                                             = 20% della St
A                                                = 40 alberi/ha
Ar                                              = 60 arbusti/ha
 
 
 
Subdistretto AD1/b
Ripartizione funzionale
St                                            = mq 32.464
Se + Ve     <= 50% St               = mq 16.232
Ac             >= 50% St               = mq 16.232
Mix funzionale (usi previsti)
Funzioni abitative   :               30% Sul                                U1/1, U1/2
Funzioni terziarie
e commerciali        :               30% Sul                                U2/2b, U2/3, U2/4, U2/5, U2/6a, U2/6d, U2/7,
                                                                                 U2/8b, U2/10, U2/11, U2/12b, U2/13b, U5/1, U5/2,
                                                                                 U5/3
Flessibile                :               40% Sul
Indici urbanistico ecologici
St                                              = mq 32.464
Ut                                              = 4.000 mq/ha
Sul                                            = mq 12.985
H max edifici:                          = ml 16
 
Sp                                             = 20% della St
A                                                = 40 alberi/ha
Ar                                              = 60 arbusti/ha
 
 
Subdistretto AD1/c
Ripartizione funzionale
St                                              = mq 39.960
Se + Ve     <=  50% St               = mq 19.980
Ac              >= 50% St               = mq 19.980
Mix funzionale (usi previsti)
Funzioni abitative   :               30% Sul                                U1/1, U1/2
Funzioni terziarie
e commerciali        :               30% Sul                                U2/2b, U2/3, U2/4, U2/5, U2/6a, U2/6d, U2/7,
                                                                                 U2/8b, U2/10, U2/11, U2/12b, U2/13b, U5/1, U5/2,
                                                                                 U5/3
Flessibile                :               40% Sul
Indici urbanistico ecologici
St                                              = mq 39.960
Ut                                              = 4.000 mq/ha
Sul                                            = mq 15.984
H max edifici:                          = ml 16
 
Sp                                             = 20% della St
A                                                = 40 alberi/ha
Ar                                              = 60 arbusti/ha
 
 
 

image002-39.jpg

image004-11.jpg 

image006-7.jpg

image008-6.jpg